Close

Maggio 20, 2022

REGOLE DI SICUREZZA E COMPORTAMENTO DA ADOTTARE DURANTE I RADUNI SKULLMOTORRAD ITALIA

La SKULMOTORRAD ITALIA è convinta che l’informazione e formazione aiuti ad elevare una persona in qualsiasi ambito lavorativo, personale, hobby, e altro.

Per quanta esperienza di guida una persona può avere, la gestione di un gruppo deve essere formata con l’informazione in quanto percorrere chilometri con pochi amici e percorrere gli stessi in gruppo non è la stessa cosa.

La SKULMOTORRAD ITALIA promuove le proprie attività motociclistiche facendo sì che tutti i partecipanti si sentano sicuri ed a proprio agio durante i raduni.

Per fare questo è doveroso per il nostro Motoclub creare le condizioni necessarie affinché, chi decide di avvicinarsi al gruppo, conosca le regole utilizzate dalla Skullmotorrad Italia durante la percorrenza in strada e le regole base della sicurezza nella guida di un motociclo e nell’attenzione al Codice della strada.

La SKULMOTORRAD ITALIA si muove sempre sotto la guida dei TOUR-LEADER e delle STAFFETTE SICUREZZA che delineano lo schieramento in strada.

Schieramento così composto:

  • In testa c’è il TOUR-LEADER che conduce il gruppo;
  • Di lato al TOUR LEADER c’è la STAFFETTA LEADER;
  • Dopo la STAFFETTTA LEADER ci sono le STAFFETTE SICUREZZA
  • In coda c’è la SCOPA che chiude e ha il compito di sorvegliare e assistere coloro che potrebbero avere delle difficoltà durante il viaggio.

Il TOUR-LEADER, la STAFFETTA LEADER, le STAFFETTE SICUREZZA e la SCOPA sono identificabili dai GILET GIALLI fosforescenti. In più le STAFFETTE SICUREZZA avranno le frecce di emergenza sempre accese. Eventuali altri mezzi di riconoscimento, saranno comunicati di volta in volta.

  1. Il TOUR-LEADER dopo aver dato il benvenuto a tutti, indica l’itinerario, le soste in programma e un numero di cellulare di emergenza (della persona che ricopre il ruolo di SCOPA).
  2. Il TOUR-LEADER si posiziona davanti al gruppo: è lui che lo guida, sa dove andare, conosce la traccia da percorrere. Aiutarlo nel suo compito è semplice. È sufficiente non superarlo e non coprirgli mai la visuale, in modo che possa tenere d’occhio tutta la strada e i cartelli stradali.
  3. L’importante è mantenere la posizione a scacchiera (vedi paragrafi successivi) in modo che il TOUR-LEADER di testa riesca a vedere, dove possibile, la SCOPA di chiusura.
  4. Di Lato al TOUR-LEADER c’è la STAFFETTA LEADER. Il suo compito è di stare sempre vicino al TOUR LEADER ed agevolare quest’ultimo durante le deviazioni del tracciato.

La STAFFETTA LEADER in caso di deviazione, si fermerà per far passare il TOUR LEADER e lascerà la posizione quando vedrà arrivare la prima STAFFETTA SICUREZZA. Quindi andrà a posizionarsi di nuovo vicino al TOUR LEADER.

La prima STAFFETTA SICUREZZA farà la stessa cosa con la seconda STAFFETTA e poi andrà di nuovo nella sua posizione. Via via così fino a che l’ultima STAFFETTA vedrà arrivare la SCOPA.

  • Il numero delle STAFFETTE SICUREZZA è variabile, a seconda della dimensione del gruppo, e vengono nominati prima di partire. Il loro compito è quello di far procedere il gruppo in piena sicurezza e in modo compatto.

Nel caso siano collegate anche le STAFFETTE SICUREZZA, sarà comunicato al gruppo prima della partenza, la persona specifica.

  • La SCOPA in coda chiude il gruppo e il suo compito, durante il viaggio, è quello di tenersi in contatto con il TOUR-LEADER ed eventualmente anche con le STAFFETTE per allinearsi su qualsiasi necessità. Raccogliere quelli che sono rimasti indietro a causa di problemi, informare il TOUR LEADER su quello che succede nelle retrovie, sono alcuni dei suoi compiti.

È richiesto:

  • Arrivare in orario e con il serbatoio pieno ai raduni;
  • Al momento della partenza essere reattivi e veloci nel prepararsi;
  • Nel caso di una fermata individuale, avvertire le STAFFETTE SICUREZZA le quali si metteranno in contatto con il TOUR-LEADER e la SCOPA;
  • Non superare mai la testa del gruppo;
  • Dare strada alle STAFFETTE SICUREZZA che rientrano in posizione;
  • Non seguire le STAFFETTE SICUREZZA mentre stanno effettuando le manovre per recuperare la loro posizione;
  • Ridare la posizione lasciata libera dalle STAFFETTE SICUREZZA;

Una delle prime cose da imparare per viaggiare in gruppo ma soprattutto in sicurezza è come viaggiare correttamente in formazione, per questo le seguenti regole devono essere rigorosamente rispettate.

  1. Viaggiare affiancati non è consigliabile perché non permette a nessuno dei due motociclisti uno spazio sufficiente per manovrare.

È consigliabile invece viaggiare in formazioni scaglionate (a “scacchiera”) perché offre vantaggi come: l’occupazione di meno spazio sulla strada o autostrada, garanzia di maggiore spazio per ogni moto per manovre o frenate di emergenza, diminuzione delle probabilità che la fila si disgreghi.

  • Importantissimo mantenere la distanza di sicurezza senza creare però troppo vuoto fra voi e chi vi procede. Regola di tutti i Motoclub è stare ad una distanza di 2 sec. tra una moto e l’altra.
  • In corsa il cambiamento di posizione dei partecipanti è possibile se fatto rispettando le regole di sicurezza stradale che agevolano il sorpasso.
  • E’ ASSOLUTAMENTE VIETATO superare chi vi precede passando alla sua destra.
  • E’ ASSOLUTAMENTE VIETATO superare chi sta già affrontando una curva che non permette visibilità verso il senso contrario di marcia, con il rischio di invadere la corsia opposta.
  • Quando un partecipante supera una vettura, attendere che finisca il sorpasso e ci sia distanza tra lui e la macchina appena superata.
  • Evitare di viaggiare appaiati chiacchierando con chi si trova accanto a voi.
  • Molto importante evitare azioni personali che possano causare difficoltà di guida per gli altri partecipanti. Esempio improvvise accelerate e frenate;
  • Tenere d’occhio il vostro specchietto retrovisore sinistro in modo da poter vedere, e dare strada alle STAFFETTE SICUREZZA che risalgono il gruppo.
  • Posizionarsi in fila indiana uno dietro l’altro tenendo la dovuta distanza di sicurezza (circa una moto di spazio) se la strada si presenta con una carreggiata stretta e fitta di curve e controcurve.
  • Se il gruppo percorre una strada statale a doppia corsia o in autostrada, valgono le stesse regole sopra descritte, ricordando solo di aumentare leggermente le distanze di sicurezza e mantenere la posizione nel gruppo.
  • Se si deve fare benzina basta indicare il serbatoio con il dito indice alla moto che chiude il gruppo (SCOPA) o alla STAFFETTA SICUREZZA più vicina, la quale avviserà il TOUR-LEADER di fermarsi al primo distributore.
  • Se un componente del gruppo ha problemi meccanici o peggio ancora è coinvolto in un incidente, i motociclisti che seguono devono fermarsi, compreso la SCOPA.

I motociclisti che viaggiano di fronte all’incidente devono continuare fino alla prossima fermata programmata e/o in un’area di sicurezza (piazzola, parccheggio ecc) perché fermarsi e tornare indietro potrebbe creare ulteriori problemi di sicurezza.

La SCOPA deve valutare la situazione e nel caso valutasse un ritardo o altro, manderà uno dei motociclisti fermi con lui verso il resto del gruppo per avvisare o si metterà in contatto con il TOUR-LEADER tramite l’interfono.

  1. Mai lasciare il gruppo senza avvisare qualcuno su dove andate e per quale motivo, rischiate diversamente di far fermare tutto il gruppo e farlo preoccupare per la vostra incolumità.
  2. Quando sono previste più giornate di raduno e si rientra dal giro verso la struttura dove il Motoclub soggiorna, si deve fare il pieno alla moto. Questo permetterà di non ritardare la partenza prevista per il giorno dopo.

LA REGOLA PIU’ IMPORTANTE CHE RIASSUME TUTTO E’

In un gruppo non tutti hanno lo stesso stile di guida o la stessa tecnica. Chi partecipa ai raduni organizzati dalla SKULLMOTORRAD ITALIA, oltre alle strade da percorrere o posti da visitare, principalmente lo fa per trascorrere, in allegria, del tempo assieme ad altre persone.

Quindi in strada non si deve mai mettere in DIFFICOLTA’ chi vi sta davanti o dietro.

Si deve rispettare i tempi di guida e adeguarsi a quanto richiesto.

In caso di mancato rispetto da parte del partecipante/associato di quanto riportato in questo documento, il Direttivo della Skullmotorrad Italia provvederà a richiamare, una prima volta verbalmente, se ripetuto in forma scritta. In caso di comportamenti recidivi, il Direttivo, dei deciderà l’eventuale espulsione del Socio dal Motoclub stesso.

REGOLE PRATICHE

Regole pratiche per muoversi in sicurezza in gruppo:

FERMARSI IN GRUPPO AGLI INCROCI

Quando il gruppo si ferma ad un incrocio, si passa dalla formazione scaglionata (a “scacchiera”) ad una formazione “accoppiata”: questo riduce la lunghezza del gruppo di metà.

È necessario mantenere questa formazione fino al passaggio dell’incrocio perché il gruppo in metà lunghezza passa in metà tempo. Se non fosse possibile passare l’incrocio con il gruppo, non passare con il rosso. Il TOUR-LEADER del gruppo aspetterà poco più avanti rallentando la marcia del gruppo stesso

GUIDA SCAGLIONATA (A SCACCHIERA)

Il minimo raccomandato per la spaziatura dalla moto che precede (stessa linea) non deve essere inferiore ai due secondi (3 metri). La moto scaglionata che precede non dovrebbe essere a meno di un secondo in avanti. Due secondi sembrano una distanza lunga quando si percorre una strada pubblica, ma sono anche il tempo stimato di reazione utile per evitare probabili guai.

La guida a “scacchiera” con la spaziatura di un secondo impedisce l’inserimento di auto nel gruppo.

SORPASSO IN UNA STRADA A DUE CORSIE

Di solito è molto difficile per un gruppo passare una macchina in una strada a due corsie. Effettuare il sorpasso uno alla volta e comunque dopo che chi precede lo avrà ultimato. Accertarsi che nella opposta corsia non vi siano ostacoli o pericoli.

A sorpasso eseguito, rallentare la velocità di marcia per dare a tutti la possibilità di unirsi al gruppo senza correre.

IN AUTOSTRADA PASSAGGIO ALLA CORSIA DI SORPASSO

Per un gruppo può essere difficile passare una macchina su una strada con due o più corsie se non c’è abbastanza spazio per il gruppo intero tra le auto. La cosa migliore è che l’ultima moto (la SCOPA) esca per prima nella corsia di sorpasso e tenga la sua posizione. La SCOPA uscirà quando vedrà inserire la freccia dal TOUR-LEADER, richiedendo il sorpasso.

A seguire le moto che precedono la SCOPA, escono a loro volta e occupano la corsia veloce. Il TOUR LEADER sarà l’ultimo a occupare la corsia di sorpasso.

IN AUTOSTRADA PASSAGGIO DALLA CORSIA VELOCE A QUELLA PIÙ LENTA

Nel rientro dalla corsia veloce a quella lenta, il TOUR LEADER sarà il primo a compiere la manovra. Via via, tutti gli altri seguono nel rientro andando a ricomporre la formazione scaglionata.

L’ultimo del gruppo chiude questa delicata fase. Si suggeriscono tempi rapidi per ottenere il rispetto degli automobilisti.

PARCHEGGIARE IN GRUPPO

Un buon sistema di parcheggio, se c’è sufficiente spazio, è sistemare le moto in retromarcia una di seguito all’altra parallelamente.

Se ci si trova alla fine di un gruppo consistente e non è possibile stare nel traffico bloccandolo, sarà sufficiente fare un giro attorno all’isolato e ritornare per parcheggiare in tranquillità.

×